DOLORE AL DORSO DELLA MANO

di | 24/04/2020

In questo articolo parleremo di tutte quelle problematicche che possono provocare dolore al dorso della mano.

La mano è una struttura complessa, infatti essa comprende numerose ossa, articolazioni, legamenti, muscoli e tendini.
Prima di procedere con la descrizione del dolore al dorso della mano, è bene precisare il significato di due termini: palmo e dorso della mano.
Il palmo della mano è la regione ventrale della mano, quella verso cui convergono le dita quando si fa il pugno. Facendo un paragone con il piede, corrisponde alla pianta del piede.
Il dorso della mano, invece, è la regione posteriore della mano, situata dal lato opposto rispetto al palmo. Dalla parte del dorso, le dita terminano con le unghie.

Muscoli del dorso della mano

I muscoli dell’avambraccio posteriore sono i muscoli situati nella parte di avambraccio che è in continuità con il dorso della mano.
I muscoli dell’avambraccio posteriore sono in tutto 12 e si dispongono su solo due piani di profondità diversi, i cui nomi sono piano superficiale e piano profondo.

Muscoli del piano superficiale

I muscoli dell’avambraccio posteriore appartenenti al piano superficiale sono 7 e si chiamano: Brachioradiale, estensore radiale lungo del carpo, estensore radiale breve del carpo, estensore delle dita, estensore del dito mignolo, estensore ulnare del carpo, anconeo. 

Muscoli del piano profondo

I muscoli dell’avambraccio posteriore situati nel piano profondo sono  5 e sono conosciuti come: Supinatore, abduttore lungo del pollice, estensore breve del pollice, estensore lungo del pollice, estensore proprio del dito indice

Questi muscoli sono fondamentali per il movimento della mano, infatti controllano l’estensione del polso e delle dita della mano, la supinazione dell’avambraccio, la flessione e l’estensione del gomito e l’abduzione del pollice.

Innervazione del dorso della mano

Il nervo radiale è quel nervo che fornisce la sensibilità al dorso della mano e che consente al nostro cervello di controllare i muscoli che estendono le dita e il polso.

Questo nervo proviene dal plesso brachiale e innerva le teste mediali e laterali del muscolo tricipite brachiale, così come tutti e 12 i muscoli nel compartimento  posteriore dell’avambraccio, le articolazioni associate e la cute sovrastante. 

 

Dolore al dorso della mano
Dolore al dorso della mano: nervo radiale e nervo mediano a confronto

Patologie che causano dolore al dorso della mano

Le patologie più comuni che causano dolore al dorso della mano sono:

  • Tendinite con interessamento di un tendine estensore.
  • Sindrome del tunnel radiale.

Tendinite

La tendinite alla mano con interessamento di un tendine estensore è una infiammazione tendinea che riguarda uno o più tendini dei muscoli estensori estrinseci della mano che permettono l’estensione delle dita.

Cause

La tendinite alla mano può essere la conseguenza di:

  • La continua ripetizione di un gesto o di un microtrauma alla mano, che sollecita in modo dannoso un tendine estensore o flessore. Quindi in tali frangenti, la tendinite alla mano costituisce una patologia da sovraccarico funzionale;
  • Malattie reumatiche: per esempio, l’artrite reumatoide, l’artrosi alle mani, la gotta o il lupus eritematoso sistemico;
  • Infezioni in cui il patogeno responsabile ha raggiunto uno dei tendini della mano. 

Terapia possibile

La cura per la tendinite alla mano varia in funzione della causa scatenante.
In linea generale, in presenza di qualsiasi tipologia di tendinite alla mano, i medici tendono a optare per un approccio terapeutico conservativo, riservando quindi, eventuali trattamenti chirurgici, soltanto a casi clinici che non rispondono in modo soddisfacente alla terapia conservativa.

Terapia conservativa

La tendinite per il dolore al dorso della mano richiede:

  • Riposo; Per riposo s’intende l’astensione da tutte quelle attività che favoriscono il dolore, siano esse sportive e della quotidianità.
    La durata del riposo varia da caso a caso, a seconda della severità dello stato infiammatorio.
  • Applicazione di ghiaccio sulla zona dolente (crioterapia). La crioterapia ha un effetto antinfiammatorio che in molti sottovalutano. Da qui puoi vedere un ottimo tutore con termogel che fa caldo e freddo.
  • Assunzione di farmaci antinfiammatori oppure di paracetamolo: Il ricorso a questi farmaci è indicato per placare lo stato infiammatorio e la sintomatologia dolorosa;
  • Uso di un tutore per la mano. Da indossare nel corso della notte, i tutori per la mano accelerano il processo di guarigione; ti consiglio un semplice tutore per il dorso della mano. Non ci sono diverse misure. (A meno che non stiamo parlando di un bambino piccolo). Sono presso che universali e utilizzabili da tutti. Ad ogni modo se intendi comprarlo, ti consiglio il primo tutore che, allo stesso prezzo, ti da anche il sacchetto ghiaccio caldo/freddo. Puoi rivederlo da qui.
  • Esercizi di stretching per l’allungamento dei muscoli della mano.

Gli episodi di tendinite alla mano dovuti a infezioni batteriche richiedono una cura antibiotica, al fine di eliminare dall’organismo il patogeno responsabile.

I casi di tendinite alla mano sostenuti dal diabete mellito o da una malattia della tiroide prevedono una terapia mirata alle gestione delle suddette condizioni.

Cura Chirurgica 

Il trattamento chirurgico per il dolore al dorso della mano alla mano varia a seconda della condizione che sostiene l’infiammazione.
In linea generale, la chirurgia per la tendinite alla mano prevede interventi finalizzati al riparazione/pulizia del o dei tendini sofferenti, i quali, per colpa dell’infiammazione prolungata, possono aver subito dei danni.

Prevenzione del dolore alla mano

La prevenzione della tendinite alla mano si basa su:

  • Non eccedere nella pratica delle attività sportive a rischio;
  • Nell’approcciarsi per la prima a una attività sportiva a rischio, farsi seguire da un esperto del settore, in maniera tale da imparare la corretta tecnica esecutoria di tutti i movimenti;
  • Osservare delle pause durante le attività lavorative che richiedono l’impiego costante delle mani;
  • Evitare il ricorso ai corticosteroidi se non strettamente necessario e in assenza di prescrizione medica.

Sindrome del tunnel radiale

Un’altra patologia che può causare dolore al dorso della mano è la sindrome del tunnel radiale

La sindrome del tunnel radiale è la compressione del nervo radiale nella porzione prossimale dell’avambraccio. I sintomi comprendono quindi  dolore all’avambraccio e al gomito. La diagnosi è clinica. I trattamenti comprendono l’immobilizzazione e talvolta decompressione chirurgica.

La compressione al gomito può derivare da:

  • Traumi
  • Gangli/cisti
  • Lipomi
  • Tumori ossei

Sintomatologia del tunnel radiale

I sintomi della sindrome del tunnel radiale comprendono quindi dolore lancinante al dorso dell’avambraccio e al versante laterale del gomito. Il dolore è fortemente aggravato dal tentativo di estendere il polso e le dita e dalla posizione supina dell’avambraccio. Inoltre la perdita di sensibilità è rara in quanto il nervo radiale a questo livello è principalmente un nervo motorio. Questo disturbo è talvolta confuso con il gomito del tennista. 

Terapia per tunnel radiale

La sola terapia che verrà messa in atto per questo tipo di dolore alla mano è di tipo conservativo e prevede quindi l’immobilizzazione dell’arto.

Infatti l’immobilizzazione consente di evitare il movimento forzato o ripetuto di supinazione o la dorsi-flessione del polso, riducendo la pressione sul nervo.

In caso di mano cadente o di ipostenia dell’estensione delle dita o se dal trattamento conservativo non si ottiene sollievo entro 3 mesi, può essere necessaria una decompressione chirurgica.

L’operazione verrà effettuata in Day Hospital e in anestesia locale. Successivamente verranno prescritti un bendaggio ed un tutore per evitare movimenti bruschi e involontari del polso.

Esercizi per prevenire il dolore al dorso della mano

Voglio concludere l’articolo consigliando alcuni esercizi utili per prevenire il dolore al dorso della mano:

1. allungamento del pugno sollevato

Inizia con il braccio in alto vicino alla testa, con la mano aperta. Fai un pugno, tenendo il pollice fuori da esso e successivamente fai scorrere le dita verso il polso fino a sentire un allungamento.

2. Rotazioni del polso

Allunga il braccio davanti a te, con il palmo rivolto verso l’alto. Lentamente, punta le dita verso il basso finché non senti un allungamento. Usa l’altra mano per tirare delicatamente la mano sollevata verso il basso.

Quindi mantieni questa posizione per 3-5 secondi.

Esegui lo stesso esercizio, ma iniziando con il palmo rivolto verso il basso.    
Punta le dita verso il soffitto finché non senti un allungamento. Usa l’altra mano per tirare delicatamente la mano sollevata verso il corpo, quindi mantieni questa posizione per 3-5 secondi.

3. Posizione di preghiera

Siediti con i gomiti poggiati sul tavolo e i palmi che si toccano in posizione di preghiera.
A questo punto, tenendo i palmi delle mani uniti, allarga i gomiti fino a sentire un allungamento e mantieni questa posizione per 5-7 secondi.
Rilassare.
Quindi ripetere tre volte.

4. Stretch stirato

Aggancia un gomito sotto l’altro e tira entrambe le braccia verso il centro del busto. A questo punto dovresti sentire un allungamento nelle tue spalle.
Avvolgi un braccio attorno all’altro in modo che i palmi si tocchino.
Mantieni la posizione per 25 secondi.
Scambia le braccia.

Quindi ripeti dall’altra parte.

5. Allungamento del dito

Unisci il mignolo con l’anulare e poi unisci il medio con l’indice e separale dall’anulare
Quindi ripeti 10 volte.

Se ti è interessato l’articolo per il dolore al dorso della mano ti consigliamo di leggere anche: dolore alla mano

Per ulteriori informazioni riguardanti il dolore al dorso della mano o per prenotare una valutazione fisioterapia in un Centro Kinesis Sport puoi scrivermi da QUI

Dott. Fabio Marino

FISIOTERAPIA PER LA MANO: COME E PERCHÉ

FISIOTERAPIA PER GOMITO
LA TECARTERAPIA FUNZIONA DAVVERO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *