DOLORE PERINEALE: analizzaimo il problema

di | 30/03/2020

In questo articolo analizzeremo il dolore perineale, da cosa può essere causato e le eventuali terapie necessarie per eliminare o attenuare questo tipo di dolore. Ma prima di tutto dobbiamo capire cos’è il perineo e dove si trova.

Il Perineo

Il perineo è una regione anatomica situata nella parte inferiore del bacino, di conseguenza possiamo affermare che il dolore perineale è un tipo di dolore localizzato a livello dei genitali, del pavimento pelvico e del basso ventre.

Quest’area perineale è a forma di rombo, infatti il perineo si estende dal margine inferiore della sinfisi pubica all’apice del coccige; trasversalmente invece è compreso tra una tuberosità ischiatica dell’osso iliaco e l’altra.

Per essere più chiari: Quando si usa la bicicletta, questa è la zona del corpo che viene appoggiata sulla sella.

Funzioni del perineo

Il perineo è una zona anatomica che svolge diverse funzioni:

  • Permettere una buona continenza;
  • Partecipare con il suo movimento ad una corretta respirazione;
  • Assicurare una buona circolazione locale;
  • Fungere da sostegno degli organi pelvici e addominali;
  • Regalare una sessualità soddisfacente
  • Distribuire la pressione intraddominale;
  • Sostenere il peso del bambino in gravidanza;
  • Accompagnare la fuoriuscita del neonato durante il parto

Considerata la particolare posizione, il perineo può essere coinvolto da traumi, infiammazioni e diversi altri processi patologici sia negli uomini, sia nelle donne.

Dolore perineale: Cause

Il perineo può essere interessato da molteplici processi patologici e disturbi che ne compromettono il normale funzionamento. Qui di seguito ne elencheremo i più comuni:

Traumi del Perineo

Il perineo può essere interessato da traumi, ad esempio chi pratica sport particolari (per es, mountain bike, equitazione, motocross ecc.) sottopone la regione perineale a continuo stress pressorio e traumatismi vari con conseguente lesione degli organi perineali. Nell’uomo un trauma al perineo può produrre lesioni del pene e dello scroto e rotture dell’uretra.

I danni del perineo sono particolarmente presenti anche nella donna,  infatti in occasione del parto vaginale, possono verificarsi delle lacerazioni. A seconda dei casi, la lunghezza di queste lesioni possono interessare solo la cute o anche i muscoli sottostanti.

Ptosi Perineale

Con l’avanzare dell’età, quando le strutture muscolo-fasciali perdono la loro tonicità e reattività, il supporto perineale può risultare meno efficace, il che può condurre a perdite urinarie o, nei casi più gravi, alla ptosi della regione. Quest’ultima condizione, nota anche come sindrome del perineo discendente, è spesso associato a:

  • Discesa degli organi: consiste nella discesa verso il basso e, nel sesso femminile, talvolta fuori dall’introito vaginale, di una o più strutture pelviche, in combinazione a livelli di gravità differenti. Il prolasso genitale è una patologia particolarmente frequente dopo la menopausa.
  • Incontinenza urinaria: quando i muscoli del pavimento pelvico sono deboli e non riescono a contrarsi per stringere l’uretra, si possono verificare delle perdite d’urina involontarie.

Gravidanza

Nelle donne giovani, i principali fattori di rischio per l’indebolimento e lo sviluppo delle disfunzioni del perineo sono rappresentate dalla gravidanza e dal parto.

La compressione esercitata dall’utero e lo stesso fatto di dover sostenere il peso del feto contribuisce a modificazioni meccaniche della statica della regione.

Inoltre, nel corso della gestazione, intervengono cambiamenti nell’assetto ormonale che possono contribuire alla tensione muscolare. In particolare, durante la gravidanza, il corpo produce la relaxina, un ormone che allenta la sinfisi pubica e la pelvi per adattarle alla progressiva crescita del bambino nell’utero e prepararle all’elasticità necessaria alla fase espulsiva del parto. Di conseguenza, l’adattamento di queste strutture può influenzare il supporto che il perineo si trova a sostenere normalmente e rende i muscoli più suscettibili al dolore.

Dispareunia

Un’ulteriore problematica correlata alle disfunzioni perineali è la dispareunia, ossia il persistente e ricorrente dolore ai genitali durante il rapporto sessuale.

Può svilupparsi sia negli uomini che nelle donne, sebbene sia molto più frequente in queste ultime.

A seconda della sede del dolore, si parla di dispareunia superficiale, quando i disturbi sono localizzati nel primo tratto della vagina e quando compaiono anche ai primi tentativi di penetrazione, e di dispareunia profonda quando il dolore si verifica a penetrazione completa

Malattie della prostata

Negli uomini, le terapie utilizzate per la gestione delle malattie della prostata possono indebolire il perineo in maniera temporanea o definitiva.

Infiammazioni del Perineo

Le infiammazioni del perineo assumono spesso andamento invasivo. Se il processo flogistico segue il decorso delle guaine muscolari possono insorgere, infatti, dei flemmoni perineali (disperisone di pus), che possono complicarsi in fistole nel retto o all’esterno.

Dolore perineale: Fattori di rischio

Tra i fattori di rischio maggiormente responsabili di queste problematiche rientrano le condizioni che determinano un danno sia del tessuto muscolare, che di quello nervoso afferente alla regione perineale, come il parto vaginale e la stessa gravidanza.

La salute del perineo può essere compromessa anche da una serie di eventi che determinano un aumento della pressione intraddominale, quali tosse cronicastitichezzarinite allergicafumo di tabaccoattività sportiva troppo intensa (soprattutto se prevede un forte impatto al suolo e la contrazione dei muscoli addominali) e sforzi eccessivi (come trasportare degli oggetti pesanti).

Altri fattori di rischio rilevanti per la comparsa dei disturbi del perineo sono:

  • Sovrappeso;
  • Infezioni urinarie ricorrenti;
  • Vita sedentaria;
  • Interventi chirurgici agli organi pelvici;
  • Incisioni chirurgiche praticate durante il parto vaginale.

Anche le tensioni emotive possono ripercuotersi a livello dei muscoli della regione. Questo stato può essere avvertito come un dolore al perineo e può presentarsi durante alcuni periodi particolarmente stressanti dal punto di vista psico-fisico. Alcune persone hanno, poi, dei tessuti di sostegno meno resistenti per fattori ereditari o costituzionali.

Infine, l’invecchiamento e la menopausa provocano un rilasciamento dei muscoli e un calo di estrogeni che rendono il perineo meno tonico.

Dolore perineale
Dolore perineale: l’obesità è un importante fattore di rischio a casusa della forte pressione che si esercita sulla struttura

TERAPIE PER IL PERINEO

Il trattamento dei disturbi che colpiscono il perineo dipendono dalle cause scatenanti.

Qualora occorra una lacerazione, ad esempio, la chirurgia è la soluzione più probabile e si basa sull’immediata sutura della lesione (perineorrafia) o sulla ricostruzione del pavimento perineale (perineoplastica).

Per contrastare una sintomatologia dolorosa a carico della regione perineale, è sempre opportuno rivolgersi al proprio medico che può indicare la terapia farmacologica più adatta o consigliare dei semplici accorgimenti da adottare nella vita quotidiana. In qualche caso, ad esempio, la dieta e le sedute di riabilitazione perineale sono sufficienti per risolvere il problema. Altre volte, è possibile intervenire con altre strategie come: sedute di fisioterapia, massaggi, esercizi Kegel. (la mia collega specialista in riabilitazione del pavimento pelvico sia per uomo che per donna, riceve a Bellusco e Agrate. Puoi vederla nel sito da QUI).

Fisioterapia per il dolore perineale

La riabilitazione del perineo è un insieme di tecniche riabilitative che permettono di rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, con l’obiettivo di recuperare la funzione ridotta o alterata delle strutture contenute nella cavità pelvica. Quest’approccio rappresenta il principale strumento conservativo per il trattamento e la prevenzione delle disfunzioni di natura ginecologica, andrologica e coloproctologica che coinvolgono la regione perineale.

(Da qui puoi vedere il sito specifico sul pavimento pelvico)

Massaggi per il dolore perineale

Il massaggio perineale costituisce preparazione fondamentale nella prevenzione di lacerazioni spontanee di 1° grado (che interessano cute e/o mucosa vaginale e/o forchetta) e 2° grado (che coinvolgono muscoli perineali senza interessare lo sfintere anale).

Il massaggio perineale in gravidanza ha lo scopo di rendere i tessuti più elastici e permette alle donne di prendere maggiore confidenza col proprio corpo, acquisendo consapevolezza.

Già a partire dal 5° mese di gravidanza, è utile iniziare a massaggiare regolarmente il proprio perineo con una cadenza bisettimanale. L’ultimo mese di gravidanza, è possibile aumentare la frequenza concedendo 5-10 minuti ogni sera al massaggio perineale.

Esercizi di Kegel per il dolore perineale

Gli esercizi di Kegel sono delle semplici contrazioni volontarie dei muscoli del pavimento pelvico. Questi esercizi sono da eseguire durante la giornata per tonificare  il perineo nella donna e il pavimento pelvico per l’uomo.

Come abbiamo visto in precedenza l’indebolimento del pavimento pelvico può causare disagi più o meno importanti, che si ripercuotono negativamente sia nella sfera fisica che in quella sessuale.
Praticare costantemente gli esercizi di Kegel può migliorare la tonicità e la resistenza del pavimento pelvico e del perineo.

Prevenzione

Per mantenere il perineo in salute è bene identificare abitudini che influiscono sulle alterazioni del pavimento pelvico ed adottare comportamenti idonei o alternativi a quelli scorretti.

I principali interventi riguardano:

  • Controllare il peso corporeo: i chili in eccesso possono gravare sul perineo;
  • Evitare di fumare: la tosse rappresenta uno stress per il perineo;
  • Prevenire la stipsi, mangiando cibi ricchi di fibre e bere quantità adeguate di acqua;
  • Evitare di sollevare pesi eccessivi;
  • Esercitare i muscoli del perineo quotidianamente.

Se ti è interessato l’articolo per il dolore perineale ti consigliamo di leggere anche: Riabilitazione del perineo

Per ulteriori informazioni riguardanti il dolore perineale o per prenotare una valutazione fisioterapia in un Centro Kinesis Sport puoi scrivermi da QUI

Dott. Fabio Marino

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

FISIOTERAPIA DEL PAVIMENTO PELVICO

FISIOTERAPIA PER VULVODINIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *