FISIOTERAPIA PER CONDROCALCINOSI
come la fisioterapia può aiutare questa patologia

di | 27/02/2019

FISIOTERAPIA PER CONDROCALCINOSI

come la fisioterapia può aiutare questa patologia

Fisioterapia per condrocalcinosi: ma cos’è la condrocalcinosi?

La condrocalcinosi  è una malattia che interessa articolazioni, si tratta di una forma di artrite provocata dal deposito di cristalli di calcio  in sede intra/extrarticolare.

L’origine del disturbo non è ancora nota, tuttavia è frequente l’associazione con altre patologie:

  • Traumi
  • Infezioni
  • Gotta
  • Amiloidosi: accumulo di materiale proteico fibrillare.
  • Ipomagnesiemia: concentrazione inferiore alla norma di magnesio nel sangue.
  • Iperparatiroidismo: iperattività delle ghiandole paratiroidi.

Inoltre, la condrocalcinosi si manifesta prevalentemente in età avanzata. Ciò fa intuire che i depositi di cristalli di calcio possano essere secondari a cambiamenti degenerativi o metabolici dei tessuti del soggetto.

Le sedi più colpite sono: il ginocchio, il polso, la spalla, l’anca e il gomito.

Sintomatologia

Gli attacchi acuti sono talora simili alla gotta, ma in genere meno intensi. Tra un attacco e il successivo, non ci sono sintomi di artrite da pirofosfato di calcio o persiste una sintomatologia di bassa entità in varie articolazioni, analogamente a quanto avviene nell’artrite reumatoide o nell’artrosi.

Terapia

La terapia è principalmente farmacologica.

Il protocollo si basa sull’impiego della colchicina, che a piccole dosi  può prevenire la comparsa degli attacchi acuti.

Gli anti infiammatori non steroidei (FANS) ed i cortisonici possono consentire un efficace controllo della flogosi e della sintomatologia dolorosa correlata.

La terapia intra-articolare ecoguidata con cortisonici trova elettiva indicazione soprattutto in caso di impegno flogistico particolarmente intenso a carico delle grandi articolazioni.

L’obiettivo della terapia è quello di garantire il massimo controllo possibile della infiammazione indotta dal deposito di calcio per evitare che ciò conduca ad un danno irreversibile delle articolazioni.

In molti pazienti questo obiettivo può essere raggiunto a la condrocalcinosi può rimanere asintomatica per lunghi periodi di tempo.

Fisioterapia per condrocalcinosi: La fisioterapia può aiutare?

La fisioterapia in questo caso non gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione della patologia, ma può svolgere un ruolo rilevante se fatta in maniera seria e meticolosa.

Il trattamento ideale è la combinazione di terapie manuali con strumenti di terapia fisica.

Per quanto riguarda lo strumento da utilizzare in questo caso sono le Onde d’urto.

Le onde d’urto sono onde ad alta energia acustica, esse vengono trasmesse attraverso la superficie della pelle e diffuse radialmente nel corpo. Il corpo risponde ad un aumento dell’attività metabolica intorno all’area di dolore, stimolando ed accelerando il processo di guarigione.

FISIOTERAPIA PER CONDROCALCINOSI

 

Se vuoi ricevere più dettagli a riguardo della tecarterapia scrivimi cliccando QUI

Dott. Fabio Marino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *