Fisioterapia per il neuroma di Morton
Come approcciare questa patologia con la fisioterapia

di | 06/04/2019

FISIOTERAPIA PER IL NEUROMA DI MORTON

Fisioterapia per il neuroma di Morton

Cos’è e come approcciarlo

Come può essere utile la fisioterapia per il neurone di Morton? Il neuroma di Morton è una patologia che Fisioterapia per il neuroma di Mortoninteressa uno dei nervi sensitivi interdigitali del piede, è un tipo di fibrosi che si sviluppa a carico del tessuto nervoso che circonda il nervo sensitivo interdigitale.

Il neuroma può colpire qualsiasi nervo interdigitale, ma nella maggior parte dei casi, il nervo ad essere interessato è quello  posto fra il terzo e il quarto metatarso.

Il dolore accusato da chi ne soffre è crescente, inizia con un semplice formicolio e senso di bruciore alle dita, per arrivare a un intenso dolore alla punta del piede che impedisce anche semplicemente di caricare il peso necessario a camminare.

Quali sono i fattori di rischio?

I fattori di rischio sono attualmente sconosciuti. Si possono solo individuare dei fattori facilitanti, come per esempio:

  • Morfologia del piede 
  • la compressione esercitata da un legamento (ad esempio scarpe troppo strette).
  • Presenza di un piede cavo con eccessivo carico sulla parte anteriore della parte del piede e quindi micro trauma ripetuto sul nervo in questa zona.
  • Traumi o sollecitazioni ripetitive, dovute alla pratica di sport come la corsa o la danza.
  • Scarpe col tacco

Quale terapie devo seguire?

Tutti gli specialisti concordano nel tentare inizialmente con una terapia conservativa; questa consiste nel cambiare il tipo di calzatura indossata, utilizzando scarpe contenitive del piede e prive di tacchi alti; e nell’utilizzare un plantare che possa compensare i difetti di postura che hanno influito nello sviluppo del problema. Sottoporsi alla fisioterapia per il neuroma di Morton è fondamentale per evitare tutte le problematiche accessorie di un periodo di carico alterato a causa del dolore al piede, infatti è frequente presentare in associazione al neuroma di Morton problemi a:

  • Caviglia
  • Ginocchio
  • Anca
  • Schiena

Per alleviare il dolore vengono prescritte infiltrazioni di cortisonici, che non tutti però approvano, in quanto delle iniezioni non ben eseguite possono ledere i tessuti interni dell’arto.

Quando la terapia conservativa non da i risultati sperati è possibile sottoporre la propria patologia all’intervento chirurgico, che prevede l’asportazione del nervo che causa il dolore.

La convalescenza in seguito alle operazioni è sempre di almeno 2 settimane, ma è possibile rinunciarvi se si preferisice seguire le indicazioni di medici che non approvando l’operazione chirurgica per l’eccessiva invasività, prediligono invece la proloterapia, l’alcolizzazione o le onde d’urto.

 

Se vuoi ricevere più dettagli a riguardo della fisioterapia per il neuroma di Morton, o vuoi ricevere una consulenza online via skype scrivimi cliccando QUI

Dott. Fabio Marino

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE I SEGUENTI ARTICOLI:

FISIOTERAPIA PER ARTROSI CERVICALE

FISIOTERAPIA PER LA MANO: COME E PERCHÉ

LA TECAR TERAPIA FUNZIONA DAVVERO? LINEE GUIDA DI UTILIZZO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *