FISIOTERAPIA PER VERSAMENTO AL GINOCCHIO
Cosa c'è da sapere. Consigli utili...

di | 22/10/2019

Quale fisioterapia in caso di versamento al ginocchio?

FISIOTERAPIA PER VERSAMENTO AL GINOCCHIO

Come la fisioterapia può aiutare

In questo articolo pareremo dell’utilità della fisioterapia per un versamento al ginocchio… ma cosa intendiamo con questo termine?

Il cosiddetto versamento  nel ginocchio rappresenta un segno di sofferenza dell’articolazione, che può dipendere da traumi, come per esempio la rottura di un menisco, o da circostanze patologiche particolari, come per esempio l’artrite reumatoide. Il ginocchio reagisce a tali insulti producendo un eccesso di “liquido“, il cui accumulo rende l’articolazione più o meno gonfia, rigida nei movimenti e dolente; inoltre, se non viene curato a dovere, può comportare gravi conseguenze.
La presenza di liquido all’interno del ginocchio richiede una diagnosi precisa delle cause responsabili, perché solo in questo modo si è in grado di adottare le terapie più adeguate. A seconda dei casi, i trattamenti possono consistere nel semplice riposo dell’articolazione, nell’assunzione di farmaci antinfiammatori e/o nel ricorso a interventi di tipo medico-chirurgico.

Tipi di versamento del ginocchio

Definendo il versamento come una raccolta di liquido, tale liquido può essere di natura:

Sierosa: è la forma più comune. Rappresenta liquido che si forma a seguito di un processo infiammatorio (e per questo tende solitamente a regredire in maniera del tutto spontanea e senza sequele) oppure può derivare da una lesione dei menischi. Tipici esempi di patologie infiammatorie possono essere:

  • Usura da stress meccanico,
  • Patologie reumatiche (le cosiddette “artropatie da deposito di cristalli”, artrosi senile o artrite reumatoide, anche se quest’ultima coinvolge più spesso le piccole articolazioni piuttosto che le tipiche articolazioni sottoposte a carico, …).

Adiposa: quando all’interno del liquido si riscontrano delle goccioline di grasso (e nella maggior parte dei casi anche di sangue) l’origine è probabilmente una frattura ossea.

Ematica: la presenza di sangue (in assenza del grasso) indica per lo più una lesione dei legamenti crociati.

Purulenta: abbastanza rara, è associata ad un processo infettivo (prevalentemente batterico) a carico del ginocchio.

Sintomi di un versamento al ginocchio

Il gonfiore è espressione della presenza di un’eccessiva quantità di liquido nell’articolazione, alle volte può provocare dolore al ginocchio, alle volte dolore dietro al ginocchio.  L’articolazione produce liquido in eccesso in diverse condizioni, tra le quali:

  • Stato infiammatorio muscolo-tendineo: come la tendinite del tendine del quadricipite o la tendinite della zampa d’oca;
  • Patologie reumatiche: come nel caso di artrite e artrosi;
  • Contusioni: si forma l’edema oppure l’ematoma (liquido che contiene anche sangue) a seconda dell’intensità del danno. Solitamente si vede la cute livida in prossimità del punto di impatto;
  • Fratture osse;
  • Lesioni muscolari o tedinee;
  • Cisti di baker (sacca contente liquido che si presenta nella parte posteriore del ginocchio);
  • Infiammazione del corpo di Hoffa (è un cuscinetto di tessuto adiposo situato sotto la rotula);
  • Anche chi soffre di Ginocchia valghe se troppo sforzate potrebbe avere questo problema.

IL GINOCCHIO BLOCCATO

  • Blocco antalgico: nei casi in cui il paziente avvertisse un forte dolore ginocchio in determinati movimenti, tende a irrigidire l’articolazione in una posizione antalgica, che molto spesso corrisponde a una posizione di semiflessione.
    Succede dopo delle lievi distorsioni che possono verificarsi durante una partita di calcio o nel caso si subiscano forti contusioni.
    Se si trattasse di traumi senza lesioni, la cosa migliore da fare è mettere del ghiaccio nell’immediato, e recarsi al pronto soccorso per essere sicuri di non aver compromesso alcuna struttura.
  • Blocco meccanico: in condizioni in cui c’è un vero e proprio impedimento che non consente di muovere l’articolazione. È il caso ad esempio di persone con artrosi avanzata al ginocchio, conosciuta anche con il nome di “gonartrosi”.
    La gonartrosi è una patologia degenerativa del ginocchio che, a causa di un consumo della cartilagine, produce un accrescimento anomalo del tessuto osseo prossimo alla rima articolare.
    In stadi avanzata l’accrescimento di osteofiti limita il movimento dell’articolare.
    In questi casi si effettua un ciclo di fisioterapia conservativa per ridurre il dolore e l’infiammazione, e se la situazione è troppo degenerata si risolve con un intervento di protesi articolare.
  • Blocco lesionale: a causa di lesioni importanti il paziente non riesce a muovere il ginocchio in determinate posizioni.
    È il caso della lesione del tendine rotuleo, dei legamenti crociati, o dei menischi.
    In molti di questi casi, in base alla sede della lesione, il paziente accusa dolore in direzioni specifiche.
    Nel caso di una lesione del menisco mediale è altamente probabile che nei movimenti di flessione e di rotazione interna il paziente avverta dolore nella parte anteriore e interna del ginocchio. In base all’entità del danno si sceglie se effettuare una fisioterapia conservativa oppure una fisioterapia pre e post-operatoria.

    Fisioterapia per il versamento al ginocchio

La fisioterapia per il versamento al ginocchio inizia dopo aver valutato attentamente la problematica, se il gonfiore e il dolore durano più di 48 ore o sono accompagnati da febbre e forte dolori, bisogna sottoporsi ad accertamenti medici per arrivare ad una diagnosi corretta.
Evitare di dare peso al ginocchio dolorante fino a quando non si è sgonfiato.
Una fascia elastica non aiuta a sgonfiare il ginocchio, meglio fare un impacco di argilla da tenere tutta la notte.
Ghiaccio: Avvolgere un po’ di ghiaccio tritato in un panno e appoggiare l’impacco sul ginocchio per 20 minuti.
Ripetere l’impacco ogni 2-4 ore, tenendo la gamba elevata.
Il ghiaccio è utile solo:

  • Nelle prime 24 ore dopo un infortunio,
  • Dopo la comparsa/acutizzazione del dolore.

Elevazione. Si può appoggiare il piede su alcuni cuscini, un trucco per tenere la gamba più in alto durante la notte è mettere dei rialzi sotto ai piedi del letto, così il corpo ha le caviglie più in alto del cuore durante la notte.
Esercizi di riabilitazione. Se si soffre di artrosi al ginocchio è importante effettuare esercizi di:

  • Stretching,
  • Tonificazione muscolare.

Questi esercizi aiutano a riscaldare e ad allungare i muscoli e sono molto utili dopo lunghi periodi di riposo. Fare dell’esercizio fisico regolare è molto utile per migliorare:

  • La forma fisica,
  • Il tono muscolare.

Non esagerare con gli esercizi se si è inesperti.
Scegliere una ginnastica dolce che non causi dolore come:

  • Lo yoga
  • Il nuoto.

Obesità. In caso di sovrappeso è necessario regolare la dieta in modo da perdere i chili in eccesso. Per fare questo affidarsi sempre alle mani di professionista esperto e qualificato.
Il peso in eccesso crea una pressione maggiore sulle articolazioni e sui muscoli, soprattutto a livello delle ginocchia e delle caviglie.
La pressione eccessiva favorisce l’infiammazione dell’articolazione e quindi è un fattore di rischio per il ginocchio gonfio.
Massoterapia
La massoterapia è una terapia utile che si può associare alle altre descritte per rimuovere il gonfiore al ginocchio.
La terapia manuale favorisce:

  • Il rilascio di endorfine e altre sostanze chimiche antidolorifiche.
  • Una circolazione efficiente.

Terapie fisiche per il ginocchio

Durante la fisioterapia per il versamento al ginocchio, sarebbe utile utilizzare i seguenti macchinari:

  • Laser HILT: un laser ad alta potenza che riesce ad agire ance sui tessuti in profondità;
  • Tecarterapia: un dispositivo che grazie all’emissione di microonde sviluppa calore endogeno, ossia calore interno all’articolazione.
  • Ipertermia: consente di poter stimolare il tessuto articolare ad una profondità e una temperatura specifica, in base alle esigenze terapeutiche del paziente;
  • Cryoultrasuoni: è un macchinario di ultrasuoni a freddo;
  • Interix: un neurostimolatore che si avvale di corrente a frequenze specifiche per ridurre la sintomatologia dolorosa;

Dopo l’intervento chirurgico eseguito in day-hospital, con poche sedute di rinforzo muscolare e recupero propriocettivo, ovvero il recupero della sensibilità del movimento del ginocchio, si potrà tornare alle normali attività sportive. Per recuperare questi due elementi oltre agli esercizi a corpo libero si può utilizzare:

  • DELOS: è un sistema propriocettivo posturale dinamico che utilizziamo per il recupero della funzionalità articolare.
  • Pedana Bosco System: una pedana a vibrazioni che permette di recuperare la forza e la massa muscolare.

Per diminuire il gonfiore potrebbero essere necessari farmaci antinfiammatori o antiedemigeni. Quando l’intervento riabilitativo non determina risultati che consentano di tornare all’attività sportiva sarà necessario ricorrere all’operazione chirurgica in artroscopica per rimuovere la lesione.

Fisioterapia per versamento al ginocchio

Fisioterapia per versamento al ginocchio: la tecar in molti caso si rivela utile per diminuire il gonfiore

Come prevenire il gonfiore al ginocchio?

Quando parliamo di processi degenerativi è fondamentale per il paziente essere in grado di monitorare i propri sintomi e prevenire lo stress meccanismo a livello delle articolazioni interessate.

Risulta quindi fondamentale:

  1. Adozione di una corretta educazione posturale volta alla riduzione del carico di lavoro.
  2. Valutare con il medico un’adeguata integrazione alimentare e/o farmacologica (esistono in commercio integratori in grado di stimolare e rafforzare le componenti cartilaginee dell’articolazione, sulla cui efficacia tuttavia la comunità scientifica non è unanimemente d’accordo).
  3. Utilizzare tutori o presidi ortopedici in grado di bilanciare il lavoro dell’articolazione

Nel caso di patologie reumatiche dovute al deposito di cristalli risulta essenziale (soprattutto per i depositi di calcio ed acido urico) il controllo dell’alimentazione.  Per patologie traumatiche è invece importante il corretto monitoraggio della propria sintomatologia ed il rapido consulto del medico, così da poter scartare immediatamente una lesione che richieda interventi specialistici.  Il riposo, in caso di dolore articolare, rimane comunque un ottimo rimedio da applicare ogni qual volta sia possibile.

Se ti è interessato l’articolo Fisioterapia per versamento al ginocchio consigliamo di leggere anche:

Fisioterapia per ginocchio

Per ulteriori informazioni riguardanti la Fisioterapia per versamento al ginocchio o per prenotare una valutazione fisioterapia in un Centro Kinesis Sport puoi scrivermi da QUI

Dott. Fabio Marino

ANATOMIA GINOCCHIO E MOVIMENTI

RECUPERO PRE E POST INTERVENTO AL GINOCCHIO

FISIOTERAPIA PER FRATTURA ROTULA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *