IPERCIFOSI DORSALE e GINNASTICA POSTURALE
Spiegazione di cos'è l'ipercifosi dorsale e della ginnastica posturale apposita

di | 13/12/2018

Che cosa si intende per ipercifosi dorsale o  sindrome del dorso curvo?

Sindrome del dorso curvo o ipercifosi dorsale è una denominazione di ciò che spesso interessa l’apparato locomotore dei ragazzi in piena età dello sviluppo, in età compresa tra i 12 e 17 anni.

 

 

La causa è ancora sconosciuta sebbene esista una forte incidenza familiare.

Infatti, correlata all’insorgenza patogena, l’ipercifosi dorsale sembra legata ad una componente che agisca sulla variazione ormonale o del metabolismo.

In conclusione possiamo dire che, non sempre l’ipercifosi dorsale dipende da una debolezza posturale.

 

Non sempre l’ipercifosi dorsale è accompagnata da sintomatologia con dolore che, essenzialmente, è presente nei primi stadi della sindrome, con una maggior incidenza all’aumento dell’età.

Clinicamente si può riscontrare un incremento della curva fisiologica di oltre 20/50 gradi, conferendo alla cifosi una considerevole strutturazione, che non si riduce neanche con l’iperestensione della regione dorsale, mentre la conseguente iperlordosi lombare rimane non strutturata.

Solitamente la sindrome del dorso curvo è associata ad una leggera scoliosi.

colonna

Curve fisiologiche

 

Le osservazioni iniziali su un adolescente con questo tipo di problematica sono:

  1. Accorciamento dei muscoli ischio-crurali
  2. Bacino anteroverso
  3. Spalle cadenti
  4. Scapole alate
  5. Predisposizione alla scoliosi.

 

I muscoli accorciati che si evidenziano sono:

  1. Ischiocrurali
  2. Spinali lombari
  3. Paravertebrali cervicali
  4. Grande e piccolo pettorale

I muscoli allungati eccessivamente invece sono:

  1. Quadricipite
  2. Tibiale anteriore
  3. Peronieri
  4. Addominali
  5. Estensori cifotici.

 

Il lavoro di ginnastica posturale sulla sindrome del dorso curvo viene impostato in modo da allungare la catena cinetica retratta e tonificare quella allungata, così da normalizzare l’equilibrio miofasciale. Inoltre il lavoro sarà avviato in senso caudale, stando attenti alla retroversione del bacino durante gli esercizi di propriocezione.

Agli esercizi di allungamento si devono alternare sempre esercizi di potenziamento delle catene cinetiche miofasciali, alternando quindi la contrazione all’allungamento.

 

E’ fondamentale inoltre far lavorare i ragazzi con esercizi di stimolazioni della fascia plantare, utilizzando anche pedane propriocettive, allenare tibiale anteriore e quadricipite con esercizi isometrici ed allungare gli ischio-crurali e i muscoli glutei.

E’ inoltre fondamentale un feedback continuo con i ragazzi seguiti durante il percorso di ginnastica posturale.

Il soggetto sarà quindi monitorato di volta in volta e stimolato nell’esecuzione degli esercizi tramite foto, effettuate a intervalli regolari, che aiuteranno lui a percepire meglio il cambiamento e noi nella gestione del caso.

L’acquisizione di una coscienza della postura corretta sarà applicata alle attività giornaliere, per influenzare progressivamente un miglioramento della curva cifotica. Infatti il soggetto dovrà imparare ad utilizzare la giusta postura a scuola, davanti alla TV o durante la conversazione con gli amici.

 

Per maggiori informazioni su questo argomento o se vuoi chiarire una problematica personale, clicca

QUI

 

Dott: Fabio Marino

Autrice: Faccin Cristina

Un pensiero su “IPERCIFOSI DORSALE e GINNASTICA POSTURALE
Spiegazione di cos'è l'ipercifosi dorsale e della ginnastica posturale apposita

  1. Pingback: FISIOTERAPIA PER IL MAL DI SCHIENA - Fabio Marino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *