LINFODRENAGGIO E LINFEDEMA: COS’E’ IL SISTEMA LINFATICO?
Conoscere il sistema linfatico è fondamentale per poter comprendere l'importanza del linfodrenaggio

di | 21/12/2018

Il drenaggio manuale linfatico, più comunemente conosciuto come linfodrenaggio, comprende un insieme di tecniche manuali atte al riassorbimento di liquido linfatico in zone di gonfiore ove esse ristagnano.

Le manovre vengono esercitate in aree che influenzano il sistema linfatico, al fine di stimolarlo al riassorbimento. Ma cos’è il sistema linfatico?

E’ un sistema che fa parte dell’apparato circolatorio e del sistema immunitario. E’ di fondamentale importanza conoscerlo per poter capire i meccanismi di formazione dell’edema linfatico e i principi alla base del linfodrenaggio.

Cos’è il sistema linfatico

Il sistema linfatico è un apparato drenante che, parallelo al sistema circolatorio, vi porta i fluidi provenienti dai tessuti. Il liquido che trasporta viene chiamato linfa, termine latino che significa “acqua”, che è un fluido comprendente liquidi, lipidi e proteine. Essa deriva dall’interstizio all’esterno della parete dei capillari. Durante la circolazione del sangue nei capillari, una parte del plasma attraversa la parete del vaso e si raccoglie nell’interstizio. Gran parte di esso viene riassorbito dalla parte venosa del capillare, ciò che rimane, contenente anche alcune proteine plasmatiche, va a formare il fluido interstiziale.

Il sistema linfatico è presente in tutto l’organismo. Le sue funzioni principali sono l’omeostasi ovvero l’autoregolazione, proteica, volemica e immunologica.

E’ formato da una rete di vasi che confluiscono alle stazioni linfonodali, organi di filtraggio che innescano la risposta immunitaria, bloccando i microrganismi ostili.

Per comprendere il funzionamento di questo apparato, si può immaginare che funzioni come un sistema autostradale: i linfonodi possono essere paragonati a dei caselli o delle dogane che non fanno passare tutte le sostanze, ma che trattengono quelle dannose.

Nel sistema linfatico si hanno diverse componenti:

"<yoastmark

  • i vasi linfatici iniziali, formati da un unico strato di cellule endoteliali giustapposte. La loro principale funzione è l’assorbimento
  • i collettori linfatici, ovvero cellule endoteliali formati da parete muscolare e sierosa. Sono dotati di valvole che gli conferiscono una funzione di propulsione antireflusso, permettendo lo scorrimento della linfa in un solo verso (pensiamo ancora all’esempio dell’autostrada, dove non è possibile andare contromano!)
  • i linfonodi, che sono circa 600 in tutto il corpo e si presentano in pacchetti o catene. NNel sistema linfatico, hanno una funzione di controllo e difesa immunologica sulle sostanze nocive.
  • il dotto toracico, che nasce a livello lombare tra L2 e L4. Trasporta la linfa proveniente da tre quarti dell’organismo: dagli arti inferiori, dall’addome e dalla parte sinistra dal corpo
  • la grande vena linfatica destra, che rappresenta la controparte destra del dotto toracico e trasporta la linfa dalla parte destra del corpo
  • le succlavie: a cui arrivano il dotto toracico e la grande vena linfatica destra

Nel prossimo articolo analizzeremo perchè si forma il linfedema e successivamente quali sono le tecniche di trattamento per i problemi al sistema linfatico.

Se vuoi ricevere più dettagli riguardo al linfodrenaggio, consulta questo articolo o scrivimi cliccando QUI.

Dott. Fabio Marino

 

 

Autore: Dott.ssa Ft Dalila De Blasio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *