Menisco e Legamento Crociato nello Sport: Test
COME VALUTARE UN GINOCCHIO OPERATO? Che sia operato al menisco o al legamento crociato la valutazione funzionale coi seguenti test può essere la medesima

di | 28/05/2015

RIABILITAZIONE POST-INTERVENTO A MENISCO E LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE: SIAMO PRONTI A TORNARE IN CAMPO?

Qui troviamo alcuni semplici test per la valutazione finale della tenuta del ginocchio operato a menisco e legamento crociato.

Menisco-1

Posizione monopodalica utile per valutare menisco e legamento crociato

In generale i test eseguiti in monopodalica ci forniscono un’indicazione migliore sulla condizione di menisco e legamento crociato in quanto il ginocchio è soggetto a sollecitazioni maggiori e possiamo così valutarne meglio la tenuta.

 

Gli esercizi di cui parlo prendono in considerazione sia la componente ESPLOSIVA che resistiva del ginocchio e sono molto semplici e veloci da eseguire ed apprendere.

Valutazione della forza esplosiva

  • Salto in avanti monopodalico: valuta la componente orizzontale del salto. Il paziente si posiziona sulla gamba operata ed esegue un salto in avanti della massima lunghezza possibile, atterrando sullo stesso arto. 
  • Salto in alto monopodalico: valuta la componente verticale del salto. Utilizza le stesse dinamiche dell’esercizio precedente, con l’unica differenza che il salto viene eseguito verso l’alto; in questo modo si valuta la tenuta del ginocchio nei diversi piani.

Valutazione della resistenza

  • Tempo impiegato per percorrere una distanza di 6m: il paziente deve percorrere la distanza prestabilita solamente tramite salti in monopodalica sull’arto operato. Molto utile anche per valutare l’equilibrio, la stabilità del tronco e la coordinazione con gli altri segmenti corporei. 
  • Isometria del quadricipite con resistenza fissa: il paziente, seduto, deve estendere il ginocchio operato e resistere il più possibile; alla caviglia viene applicato un piccolo peso per aumentare lo sforzo. Abbiamo un buon risultato quando l’arto operato raggiunge almeno l’85% del risultato ottenuto con l’arto sano.

 

Un risultato negativo può manifestarsi nei seguenti modi:

  • Comparsa di dolore durante l’esecuzione.
  • Perdita di equilibrio e caduta nei test dinamici.
  • Mancata esecuzione degli esercizi per apprensione mostrata dall’assistito.

Questo ci fornisce un segnale dall’allarme riguardo il percorso riabilitativo: l’atleta NON è ancora pronto al rientro in campo! In questo caso dovremo continuare con il programma di allenamento svolto fino ad allora e renderlo gradualmente più intenso e completo.

Se sei interessato al percorso riabilitativo pre e post-intervento e ti sei perso l’articolo precedente clicca QUI! Descrivo un iter riabilitativo per preparare al meglio un atleta all’operazione e successivamente al rientro in campo nella maniera migliore possibile.

Ottenere un risultato positivo invece ci fornisce un ottimo dato sulla condizione di menisco e legamento crociato e sul raggiungimento del principale obiettivo del percorso terapeutico:

IL RIENTRO SUL CAMPO DA GIOCO

Menisco-2

Rientro in campo post operazione a menisco e legamento crociato

Una buona batteria di test per la riabilitazione del crociato anteriore deve però prevedere anche un TEST ISOCINETICO. Pochi centri ne sono provvisti, ma questo macchinario fa veramente la differenza nel valutare oggettivamente la ritrovata stabilità del ginocchio in seguito ad operazione a menisco e legamento crociato. Per sapere di più sul test isocinetico puoi consultare gli altri video presenti nel blog.

Per ricevere altre informazioni sull’articolazione del ginocchio o sull’isocinetica stessa, puoi scrivermi e vedrai che ti risponderò in meno di 48 ore. Ho molto materiale non pubblicato che ho creato in circa 14 anni di attività dentro e fuori dai campi di gioco.

Dott. Fabio Marino

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE IL SEGUENTE ARTICOLO:

FISIOTERAPIA PER IL MENISCO ROTTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *