POSIZIONI PER DORMIRE BENE: L’importanza del dormire
Esistono diversi accorgimenti e posizioni per dormire bene

di | 27/06/2018

Dormire è uno dei bisogni primari dell’uomo, e come per il mangiare, meglio lo si fa e meglio è.

Mantenere delle corrette posizioni per dormire bene è fondamentale; i problemi causati da posture scorrette assunte durante il sonno possono essere molteplici; mal di schienadisturbi alle articolazioni, alla cervicale, tunnel carpale, deviazioni della colonna vertebrale, tendiniti e infiammazioni ai muscoli preposti al sostegno della colonna.

Se misurassimo la nostra statura in diverse ore della giornata, ci accorgeremmo che al mattino siamo 1-2 cm più alti rispetto alla sera. Questo fenomeno dipende dalla forza di gravità, che la colonna subisce per tutto il giorno, causando una graduale disidratazione, con perdita in altezza di ogni singolo disco intervertebrale; durante il riposo notturno la diminuzione della pressione permette ai dischi di reidratarsi. È dunque fondamentale dormire un numero sufficiente di ore su un letto adeguato per permettere ai nostri dischi di reidratarsi e acquisire lo spessore originario, mantenendo efficienza, elasticità e un adeguato rilassamento muscolare.

Per non commettere errori durante il riposo notturno riuscire a mantenere delle corrette posizioni  per dormire bene, diventa quindi importante la scelta della rete, del materasso e del cuscino.

La scelta della rete e del materasso

Reti cedevoli o materassi troppo morbidi non permettono al rachide di mantenere le sue curve fisiologiche. Quando si decide di dormire

supini si accentua la cifosi dorsale e si rettifica la lordosi lombare, se si dorme in posizione prona si accentua la lordosi lombare. Posizioni scorrette durante il sonno, col passare del tempo, possono provocare danni alla colonna. Le reti a doghe di legno rappresentano un’ottima soluzione. Queste ultime, essendo elastiche e indipendenti l’una dall’altra si modellano sul corpo seguendo le curve naturali.

Per ottenere i migliori risultati il materasso deve accordarsi perfettamente al telaio che lo sostiene in modo da adattarsi alle curve fisiologiche.

Acquistano un materasso molto duro (materasso ortopedico) si sperimenta una sensazione spiacevole quando ci si sdraia eranno sul nuovo materasso e saranno costretti a girarsi molto spesso durante la notte. Questo tipo di materasso, quando si dorme in posizione supina, provoca un’eccessiva pressione su talloni, polpacci, glutei, dorso e nuca; essendo ostacolata la circolazione, si avvertirà la necessità di cambiare spesso posizione.

La scelta del cuscino

La funzione del cuscino è molto importante per mantenere delle corrette posizioni per dormire bene  perché costituisce il supporto della parte più delicata della colonna vertebrale: la zona cervicale. Questo deve sostenere le vertebre e mantenere la fisiologica lordosi. L’altezza del cuscino deve essere adeguata alle caratteristiche della colonna del soggetto. Chi, per esempio, ha una cifosi rigida o accentuata è bene che utilizzi un cuscino più alto, per evitare che in posizione supina, la testa cada all’indietro accentuando la lordosi. Chi ha invece una colonna ben mobile, senza alterazioni delle curve fisiologiche, può utilizzare un cuscino più basso.

Il criterio per la scelta dell’altezza del nostro cuscino è la verticalità dello sguardo:

Quando si è distesi in posizione supina, la testa si trova sul prolungamento del rachide e lo sguardo sarà rivolto in avanti, verso il soffitto.Se lo sguardo è rivolto verso i piedi, significa che il cuscino che stiamo utilizzando è troppo alto, se lo sguardo è rivolto all’indietro significa, al contrario, che il cuscino è troppo basso.

Se si predilige la posizione sul fianco è necessario che la giusta altezza del cuscino mantenga ben allineate le vertebre cervicali con il resto della colonna.

 

POSIZIONI PER DORMIRE BENE: Quali posizioni adottare

 

Meglio prediligere la posizione supina o sul fianco, facendo attenzione, come accennato in precedenza a scegliere la giusta altezza del cuscino.

La posizione prona è sconsigliata perché favorisce il reflusso gastroesofageo, non ci permette di respirare bene, aumenta la lordosi lombare, carica di tensioni il rachide cervicale e comprime lo stomaco. La posizione di lato è ottima per il giusto allineamento della colonna; se si hanno problemi di reflusso o acidità di stomaco meglio prediligere il lato sinistro. Questa posizione causa però pressioni su polmoni, stomaco e fegato.

È invece la posizione consigliabile durante la gravidanza, al posto della posizione supina, in quanto aiuta a migliorare la circolazione di mamma e bambino.

Posizioni per dormire bene

Posizioni per dormire bene

Da non trascurare è l’abitudine da parte di molti a dormire in posizione fetale in cui il rachide lombare si flette eccessivamente assumendo un atteggiamento cifotico. Rilassarsi per pochi minuti in questa posizione può portare sollievo a chi ha mantenuto a lungo una posizione eretta, aiuta a distendere la muscolatura e decomprimere le faccette articolari delle vertebre.

Per chi è rimasto diverse ore seduto in ufficio, restare anche durante la notte in questa posizione non è altrettanto benefico: con il passare del tempo la lordosi lombare si riduce perdendo progressivamente la capacità di estendersi.

Per soggetti affetti da lombo-sciatalgia da ernia discale, rettificazione della lordosi lombare o che hanno subito una frattura di un corpo vertebrale, può essere utile durante la notte mantenere in modo più marcato la benefica lordosi lombare.

 

Si può utilizzare un apposito cuscino o semplicemente un asciugamano arrotolato attorno alla vita; questo piccolo provvedimento può eliminare i dolori notturni e mattutini.

Un ultimo consiglio che mi sento di dare ai lettori per conciliare il sonno; è di bere un bicchiere di acqua a temperatura ambiente prima di sdraiarsi; e una volta coricati fare qualche respirazione profonda per ritrovare una condizione di calma dopo una lunga giornata di lavoro.

Per saperne di più leggi anche: Dimmi come dormi e ti dirò come stai

Se vuoi ricevere più dettagli riguardo questo argomento scrivimi cliccando QUI

Dott. Fabio Marino

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *