TECAR TERAPIA IN ACUTO/CRONICO
Protocolli esecutivi della tecar terapia in acuto, subacuto e cronico

di | 15/03/2018

In questo articolo parliamo di come regolare ed operare con la tecar terapia in acuto – subacuto e cronico

TECAR TERAPIA STRATEGIE OPERATIVE

Acuto – Subacuto – Cronico

E’ possibile ottimizzare il funzionamento della tecar terapia nelle diverse fasi di dolore acuto o cronico di una patologia?

La tecar terapia è l’ elettromedicale che funziona tramite la generazione di energia grazie allo spostamento di cariche elettriche, tramite due manipoli (capacitivo e resistivo).

Questo macchinario può essere utilizzato in svariati modi su molteplici patologie. Per sfruttarlo al meglio, è bene sapere come impostarlo nei diversi casi. (Alla fine di questo articolo ti consiglio altri articoli di approfondimento su come regolare la potenza della tecar in base ad alcune patologie).

Innanzi tutto rivediamo in breve come funziona  la tecar terapia per chi ancora non la conosce…

Grazie allo spostamento di cariche elettriche,  vengono stimolati i tessuti trattati a recuperare il corretto voltaggio di membrana cellulare, e come effetto secondario, viene prodotto calore direttamente, determinando cosò una vasodilatazione che migliora l’afflusso di sangue nella zona trattata.

Di conseguenza…

  • Vi è un maggiore apporto di sostanze nutritive e ossigeno, che favoriscono la guarigione del tessuto
  • Vengono eliminati i prodotti di scarto, i cataboliti, aiutando a ridurre l’infiammazione ed il dolore
Tecarterapia o tecar terapia

Tecar terapia: nella foto applicazione statica della tecarterapia su mano e polso

Ma come impostare la tecar terapia in uno stadio acuto o cronico?

In primo luogo è necessario che il fisioterapista interpreti correttamente segni e sintomi del paziente per definire se la patologia che dovrà trattare si trova in fase acuta, subacuta o cronica, quindi capire già se si può aumentare la potenza o se sia meglio lavorare in atermia a bassissime potenze.(Come regolare la potenza della tecar)

Successivamente, si deve ragionare su due fattori principali:

  1. Obiettivo da raggiungere: ad esempio riduzione del dolore, del gonfiore, oppure miglioramento dell’impotenza funzionale del tessuto
  2. Priorità: chiedersi quale sia l’obiettivo da raggiungere in primis e quali gli obiettivi secondari

Eccoti dei protocolli esecutivi per le varie fasi

In base alla durata nel tempo, l’evoluzione di una infiammazione può essere:

  • Acuta
  • Subacuta
  • Cronica

L’infiammazione acuta ha la durata compresa fra poche ore ed alcuni giorni, superati i quali si parla di fase subacuta.
L’infiammazione cronica ha durata variabile di settimane, mesi, anni.

Come regolare la tecar terapia in fase acuta

Possono essere utilizzate due strategie operative:
1. Lavorare al 100% in atermia a bassissima potenza
2. Agire all’80% in atermia nel punto acuto di dolore e al 20% in temperatura lontano da tale zona per favorisce il drenaggio dei liquidi dalla zona da trattare alla zona in cui si è lavorato in temperatura (tessuto muscolare a monte e stazione linfatica).

Come regolare la tecar terapia in fase subacuta

Ci sono ancora due metodologie attuabili:
1. lavorare al 20% in temperatura e all’80% in atermia, con l’obiettivo primario di ridurre il dolore.
2. lavorare, al contrario, all’80% in temperatura e al 20% in atermia. Quest’ultima strategia viene utilizzata per lavorare principalmente sull’impotenza funzionale del tessuto “resistente”. Per esempio un muscolo diventato debole ipotonico e ipotrofico.

Come regolare la tecar terapia in fase cronica

In tal caso si agisce principalmente in temperatura:

Al 100% con potenza elevata, oppure all’ 80% in vasodilatazione +20% di atermia. Lo scopo in fase cronica è stimolazione i processi energetici metabolici e aumentando l’ossigenazione del tessuto grazie ad un maggior afflusso di sangue ricco di ossigeno e nutrienti: il trattamento in temperatura in fase cronica può aumentare fino al 300% la quantità di ossigeno presente nel tessuto prima del trattamento di tecar terapia.

Una cosa è certa e più sicura anche per il paziente. Qualsiasi sia lo stadio acuto, subacuto o cronico del paziente, sarebbe sempre meglio:

  1. Preparare il tessuto da trattare, all’inizio della seduta di tecar terapia, con qualche minuto di microcircolo in capacitivo. Aiuta ad ammorbidire il tessuto, ridurre gli attriti interni e favorisce l’apporto di sangue.
  2. Terminare ogni seduta con capacitivo in microcircolo, di durata variabile in base alla potenza utilizzata durante la seduta tecar terapia, per evitare il famoso effetto rebound.

Se vuoi ricevere più dettagli riguardo la tecar terapia in acuto, cronico o subacuto, o per informazioni generali sul suo funzionamento, puoi leggero dall’articolo:”come  funzione la tecar” o puoi scrivermi cliccando QUI

PER UNA PRIMA CONSULENZA FISIOTERAPICA GRATUITA, IN CUI POTRAI ESPORRE IL TUO CASO, AD UN FISIOTERAPISTA SPECIALIZZATO IN TECAR TERAPIA, IN UNO DEI CENTRI KINESIS SPORT, CLICCA QUI

Dott. Fabio Marino

Autore: Dott.ssa Ft Dalila De Blasio & Dott.Fabio Marino

TECARTERAPIA POTENZA ED EFFETTI SUL CORPO

LA TECAR TERAPIA FUNZIONA DAVVERO? LINEE GUIDA DI UTILIZZO

LA TECAR TERAPIA FUNZIONA DAVVERO? QUANDO IL CAPACITIVO O IL RESISTIVO

COME FUNZIONA LA TECARTERAPIA?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *