TEST ORTOPEDICI DI GINOCCHIO

Anatomia del ginocchio

Prima di passare a parlare dei Test ortopedico per il ginocchio, è dovere fare un piccolo ripasso di anatomia…

L’articolazione del ginocchio è formata principalmente da due ossa, il femore e la tibia. Anteriormente partecipa all’articolazione anche la rotula, un osso sesamoide che facilita l’azione del muscolo quadricipite durante l’estensione della gamba. Inoltre, un quarto osso sottile posto lateralmente alla tibia, il perone, completa l’articolazione.

Tutte le superfici articolari sono rivestite di cartilagine, la quale ha l’importante compito di diminuire gli attriti interni all’articolazione. Un ulteriore protezione da traumi ed usura deriva dalla presenza di due menischi, uno mediale ed uno laterale. Entrambe queste strutture, dalla forma semilunare, funzionano come cuscinetti ammortizzatori, facilitando i movimenti e proteggendo l’intero ginocchio.

Articolazione ginocchio

 

L’intera articolazione è avvolta da una capsula, la quale stabilizza il ginocchio durante i movimenti. Inoltre una membrana sinoviale riveste la superficie interna della capsula e secerne un liquido vischioso che lubrifica e nutre l’ articolazione.

Il ginocchio viene infine stabilizzato da quattro robusti legamenti: due laterali chiamati rispettivamente collaterale mediale e collaterale laterale, e due interni detti crociato anteriore  e legamento crociato posteriore.

 

Escursione in grado di movimento del ginocchio

I movimenti consentiti dal ginocchio sono:

Flessione

ROM articolare di 135 gradi e muscoli coinvolti nel movimento:

  1. Bicipite femorale
  2. Semimembranoso
  3. Semitendinoso
  4. Gracile
  5. Sartorio
  6. Popliteo
  7. Grastrocnemio
  8. Plantare.

Estensione

ROM articolare di 90 gradi e muscoli coinvolti:

  1. Retto femorale
  2. Vasto mediale
  3. Intermedio
  4. Laterale.

 

Test ortopedici di ginocchio

Instabilità meniscale

Apley test in compressione:

Posizionate il paziente prono, flettetegli la gamba di 90 gradi dopo avergli stabilizzato la coscia con il vostro ginocchio ed esercitate una pressione verso il basso sul calcagno, mentre ruotate il piede verso l’interno e l’esterno. Un dolore su uno dei versanti del ginocchio è indicativo di una lesione meniscale.

McMurray test

Mettete il paziente in posizione supina, con una mano fermate il suo tallone e con l’altra sostenete la parte inferiore del ginocchio, cercando di far estendere il ginocchio mentre ruota la tibia internamente e esternamente.

Test del rimbalzo

Con il paziente in posizione supina, invitatelo a flettere la gamba. Quando la gamba è flessa, fategli conca intorno al calcagno ed invitatelo ad estendere passivamente il ginocchio. Si sospetta una lesione meniscale nel caso in cui il paziente non sia in grado di estendere completamente il ginocchio.

Instabilità legamentosa

Test del cassetto

Mettete il paziente in posizione supina e flettetegli la gamba, collocandogli il piede appoggiato sul lettino. Afferrate il ginocchio flesso da dietro e trazionate verso di voi la gamba. La presenza di un gapping quando la gamba è trazionata in avanti indica una lesione del crociato anteriore. Se il gapping si presenta quando la gamba è spinta in dietro la probabile lesione è riconducibile al crociato posteriore.

Apley test in distrazione

Posizionate il paziente prono sul lettino, con gamba flessa a 90 gradi. Stabilizzate la gamba del paziente con il vostro ginocchio e con entrambe le mani trazionategli il piede verso l’alto ruotandolo esternamente e internamente. Un dolore in distrazione indica instabilità dei legamenti.

Test della rotula

Grinding test rotuleo

Mettete il paziente supino e spostate la rotula lateralmente e medialmente, esercitando forte pressione verso il basso. Il dolore indica una condromalacia o artrosi sotto rotulea.

Test di dreyer

Posizionate il paziente supino ed invitatelo ad alzare attivamente la gamba. Se fatica a sollevare la gamba, stabilizzategli il tendine del quadricipite appena sopra il ginocchio ed invitatelo a ripetere il movimento. Potrete sospettare una lesione rotulea nel caso il cui, anche con il vostro aiuto il paziente non riuscisse a compiere il gesto.

Versamento articolare del ginocchio

Test della fluttuazione

Posizionate il paziente supino ed afferrategli con una mano la coscia a livello della borsa sotto patellare e con l’altra la parte inferiore del ginocchio, sotto la rotula. Alternativamente esercitate una pressione con ciascuna mano verso il basso. Nel caso di versamento lo sentirete palpabilmente sotto le vostre mani.

E’ fondamentale, dopo aver eseguito un’accurata anamnesi con i test appena descritti, consigliare al paziente un esame più approfondito, come una risonanza magnetica o un ecografia, che possa confermare la valutazione.

Forse potrebbe esserti utile anche:

IL GINOCCHIO NELLA MASSOTERAPIA E OSTEOPATIA

ANATOMIA GINOCCHIO E MOVIMENTI

RIABILITAZIONE CONDROPATIA FEMORO ROTULEA

 

Per maggiori informazioni sui test ortopedici di ginocchio clicca QUI

Dott. Fabio Marino

Autrice: Cristina Faccin.