FISIOTERAPIA PER ALLUCE VALGO
La fisioterapia per alleviare i sintomi da alluce valgo

di | 29/03/2019

FISIOTERAPIA PER ALLUCE VALGO

Fisioterapia per alluce valgo: come la riabilitazione può aiutare ad alleviare i sintomi

fisioterapia per alluce valgo

L’alluce valgo è una diffusa patologia del piede. E’ più frequente nel sesso femminile e nell’età adulta (dopo i 40 anni). E’ una patologia idiopatica, di cui non si conoscono le cause, con una componente genetica, anche se non si può parlare di ereditarietà. Può insorgere anche a seguito di altre patologie, come malattie reumatiche e degenerative. Esistono fattori di rischio che possono influenzare l’insorgenza della patologia, come ad esempio:

  • Piede piatto
  • Uso di calzature non adeguate per lungo tempo, ad esempio scarpe col tacco o con la punta stretta. Queste causano a lungo andare l’accorciamento del tendine d’Achille e il sovraccarico dei muscoli peronei nella fase di spinta durante il cammino.

 

Caratteristiche della patologia

L’alluce valgo consiste in una deformazione del primo dito, che subisce una deviazione laterale in direzione delle altre dita. Esse possono subire una deformazione a loro volta, a catena. In base al grado, la patologia può essere più o meno grave: se le immagini radiografiche mostrano uno spostamento di 8-20 gradi, la deviazione è lieve, se supera i 20 è grave. Non è quindi un problema solo estetico: la sporgenza ossea che si viene a creare alla base del dito e la deformazione ossea causano problemi importanti nella deambulazione.

 

Sintomi e trattamento

In caso di deviazione lieve, il sintomo principale può essere dolore non costante. Il trattamento in questo caso è preventivo di peggioramento tramite ortesi, educazione del paziente e fisioterapia. Se la deviazione è grave, può esserci dolore persistente e continuo, callosità dolenti sotto la pianta del piede, rossore ed infiammazione della sporgenza ossea (borsite) a causa dello sfregamento con le calzature e anche ulcerazione della cute.

In casi gravi, la sola fisioterapia potrebbe non portare a benefici prolungati e si potrebbe optare per l’intervento chirurgico di correzione. Oltre alla tecnica tradizionale, che prevede successivamente immobilizzazione, riposo e graduale fisioterapia, esistono anche nuove tecniche mini invasive.

Trattamento conservativo: fisioterapia per alluce valgo

Per alleviare la sintomatologia dolorosa in un alluce valgo con deviazione lieve, si può provare tramite alcuni accorgimenti:

  • Utilizzare calzature adeguate, con un buon supporto dell’arco plantare, tacco non alto e largo, morbide in punta. Eventualmente possono essere indicati dei plantari.
  • Può essere utile l’utilizzo di ortesi che tengano il primo dito in asse: sono consigliate ortesi rigide per la notte e morbide da utilizzare durante la giornata

Il fisioterapista potrebbe ritenere opportuno effettuare un trattamento di mobilizzazione passiva e attiva del piede.

 

  • Mobilizzazione passiva e terapia manuale di dita e articolazioni del piede per dare maggiore mobilità e ridurre la rigidità. In particolare il fisioterapista proverà a spostare lateralmente l’alluce lontano dalle altre dita in un movimento di adbuzione e rotazione

 

  • Mobilizzazione attiva del piede tramite esercizi insegnati al paziente. In particolare il paziente apprenderà:
  1. L’auto-mobilizzazione del piede allontanando il primo dito dalle altre ed effettuando una rotazione.Cercare di allenare il dito in quella direzione, esercitando il muscolo abduttore dell’alluce
  2. Il massaggio anche tramite l’utilizzo di una pallina sotto alla pianta del piede
  3. Esercizi per migliorare il cammino effettuando il corretto rollaggio del piede dal tallone, alla parte laterale ed infine a dare la spinta in avanti con l’alluce

Se vuoi ricevere più dettagli riguardo alla fisioterapia per alluce valgo, o ricevere una consulenza online scrivimi cliccando QUI.

 

Ti interessano altri articoli sulla fisioterapia? Clicca qui!

Fisioterapia per condrocalcinosi

Fisioterapia per la sindrome di De Quervain

 

Dott. Fabio Marino

 

Autore: Dott.ssa Ft Dalila De Blasio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *